ENG | ITA
P.iva 01095950521

STORIA


Storia antica | Storia recente | Oggi

5 milioni di anni fa: Il livello dei mari si abbassa lasciando depositi di sabbia e argilla nella Val d'Orcia; i vulcani di Radicofani e dell'Amiata eruttano e spargono intorno a sè un magma scuro chiamato trachite, modificando la composizione del terreno che diventa così ideale per la coltivazione del Sangiovese.

600 A.C.: Scavi archeologici confermano la presenza di insediamenti etruschi a Castiglion del Bosco, molto ambito come avamposto militare grazie alla sua posizione elevata.

725 A.D.: Nasce la Via Francigena, che conduce a Roma partendo da Canterbury e viene percorsa per secoli da migliaia di pellegrini. La via attraversa Castiglion del Bosco, dove i pellegrini trovano rifugio presso la Pieve di San Michele.

1100: Si costruisce il Castello di Castiglion del Bosco, in classico stile medievale; la sua struttura è simile alla Rocca di Tentennano, situata nei pressi della Tenuta. All'inizio del XIII secolo, i Cacciaconti di Trequanda fanno erigere delle mura in pietra intorno al bastione che sorge sulla sommità della collina. Oggi sono ancora visibili i resti della cinta muraria, una porta e il Castello parzialmente distrutto.

1208: Castiglion del Bosco occupa una posizione di rilevo nella Repubblica Senese, ed è soggetta alla tassazione sulla proprietà più alta rispetto a tutte le altre tenute.

1313: L'affascinante di Badia Ardenga, situata nei pressi del Fiume Ombrone, accoglie imperatori e papi che viaggiano lungo l'antica Via Francigena. Eretta prima del 1000 A.D., la struttura originaria si presenta ancora intatta. La leggenda narra che l'imperatore germanico Enrico VII di Lussemburgo, durante il suo soggiorno a Buonconvento nel 1313, si recò all'Abbazia con la sua armata per comunicarsi. I monaci avrebbero avvelenato l'ostia consacrata e l'imperatore fu trovato morto all'interno della chiesa.

1318: Castiglion del Bosco passa sotto il dominio dei Gallerani, prospera famiglia di mercanti, titolari di cariche pubbliche a Siena. Si sostiene che la fanciulla ritratta da Leonardo da Vinci nel dipinto "Dama con l'ermellino" sia Cecilia Gallerani, la stessa che sarebbe stata la musa per la "Gioconda".

1339: Alla morte di Ciampolo Gallerani, la proprietà di Castiglion del Bosco passa alla famiglia Piccolomini, che conquista il castello dopo un lungo e sanguinoso assedio. A questo periodo risale l'opera di restauro della fortificazione.

1345: Pietro Lorenzetti dipinge l'affresco "Annunciazione dei Santi" nella Chiesa di San Michele che si trova nel borgo di Castiglion del Bosco. Riscoperto nel 1876, è completamente sottoposto a lavori di restauro, ritornando così all'originale splendore. Pietro e suo fratello, Ambrogio Lorenzetti, autore dell'affresco del "Buono e Cattivo Governo" nel Palazzo Pubblico di Siena, appartenevano alla famosa Scuola Senese fiorente nel Basso Medioevo, che preannunciò l'arte rinascimentale.